Un regolamento della Comunità Europea valido per tutte le Nazioni tra cui l'italia VIETA che i prodotti cosmetici siano testati su animali. 

E' quindi praticamente inutile, se non per ragioni che riguardano il marketing, la scritta sull'astuccio di alcuni cosmetici: "non testato su animali". 

Allora, a cosa serve certificare, come ha fatto UNIQUEPELS i propri prodotti con un "bollino" CONIGLIO NERO della LEAL - LEGA ANTIVIVISEZIONISTA?

Perchè invece il regolamento NON VIETA la possibilità di TESTARE sugli animali le MATERIE PRIME CONTENUTE nei cosmetici. 

Ci sono, però, delle aziende come UNIQUEPELS che si impegnano a non utilizzare più materie prime testate su animali*.

Aziende che decidono di spendere dei soldi per la certificazione e di complicare il lavoro dei propri laboratori, diventando un'azienda, come dichiarato sul sito LEAL "i cui i prodotti non sono stati testati sugli animali nemmeno partendo dagli ingredienti" .

Naturalmente, questo è un aggravio di costi e di lavoro ma, come ha dichiarato dal nostro Direttore Generale quando ha presentato questo nuovo progetto, la convinzione di UNIQUEPELS è che "Nessun animale deve soffrire. A maggior ragione per questioni legate alla cosmetica"

E su queste basi è stato stretto l'accordo con LEAL per abbracciare la loro filosofia e certificare tutti i nostri prodotti. 

Se vuoi vedere l'annuncio della nostra partecipazione al progetto, clicca qui

Abbiamo appoggiato la campagna LEAL anche perchè l'Associazione investe i proventi raccolti dalle Società aderenti, attraverso la certificazione, per la ricerca costante di forme alternative all'uso degli animali per i test delle materie prime. 

Se vuoi approfondire le informazioni sul "CONIGLIO NERO" e tutte le attività di LEAL- LEGA ANTIVIVISEZIONISTA clicca sul logo.